Malattia professionale e decesso del dipendente: risarcimento per la perdita del rapporto parentale


In caso di decesso del lavoratore per malattia professionale, il pregiudizio da “perdita del rapporto parentale” rappresenta un peculiare aspetto del danno non patrimoniale e consiste non già nella mera perdita delle abitudini e dei riti propri della quotidianità, bensì nello sconvolgimento dell’esistenza, rivelato da fondamentali e radicali cambiamenti dello stile di vita, nonché nella sofferenza interiore derivante dal venir meno del rapporto.


Lo ha ribadito la Suprema Corte di Cassazione pronunciandosi sul caso di alcune ererdi di un lavoratore deceduto, i quali chiedevano la condanna del datore al risarcimento “iure hereditatis” del danno biologico da invalidità permanente, danno morale e danno esistenziale sofferto dal congiunto nonché al risarcimento iure proprio del danno morale, psicofisico ed esistenziale.
Premesso che il pregiudizio del quale si lamenta il mancato ristoro non è riconducibile ad alcuna delle voci di danno oggetto della originaria domanda, quale sopra ricostruita, posto che il danno biologico si configura quale lesione della integrità psicofisica della persona in se considerata, indipendentemente dalle ripercussioni che essa può comportare sulla capacità di lavoro e di guadagno del soggetto e comprende anche il danno cd. esistenziale (quale componente dinamico-relazionale attinente alla vita esterna del danneggiato), appartenendo tali categorie (o voci) di danno alla stessa area protetta dall’art. 32 Cost, mentre il danno morale concerne la sofferenza interiore patita dal soggetto in conseguenza della lesione del suo diritto alla salute, costituiva onere delle ricorrenti dimostrare l’avvenuta rituale allegazione, nell’ambito del giudizio di merito, dell’esistenza di un danno non patrimoniale da perdita della vita riferito al congiunto.
Relativamente al danno sofferto dalle ricorrenti per il decesso del genitore, gli Ermellini ricordano che, il pregiudizio da perdita del rapporto parentale rappresenta un peculiare aspetto del danno non patrimoniale e consiste non già nella mera perdita delle abitudini e dei riti propri della quotidianità, bensì nello sconvolgimento dell’esistenza, rivelato da fondamentali e radicali cambiamenti dello stile di vita, nonché nella sofferenza interiore derivante dal venir meno del rapporto. Tale danno deve essere oggetto di allegazione e prova.
In ogni caso tali motivi di doglianza appaiono privi di pregio alla luce della giurisprudenza di legittimità che nel riconoscere la tutela risarcitoria per danno non patrimoniale connesso alla violazione dei diritti inviolabili della famiglia ha ribadito che tale danno, anche quando sia determinato dalla lesione di diritti inviolabili della persona, costituisce danno conseguenza che deve essere allegato e provato, neppure potendo condividersi la tesi che trattasi di danno in re ipsa, sicché dovrà al riguardo farsi ricorso alla prova testimoniale, documentale e presuntiva.